Reflui Domestici

Per acque reflue domestiche si intendo le “acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche” (D.L.gs n.152 del 2006).

Per insediamenti inferiori a 2.000 A.E. (recapitanti in acque dolci ed in acque di transizione) e 10.000 A.E. (recapitanti in acque marino-costiere), la normativa consente l’inserimento di Trattamenti appropriati atti a consentire lo scarico delle acque depurate in ambiente.

Tra i principali trattamenti, quelli di maggior utilizzo sono i seguenti: